I 10 Film del 2013 da Rivedere

Gennaio 2014 è iniziato ormai da un pezzo, ma sono abituato a non lasciarmi l’anno passato alle spalle finché non smetterò di sbagliare a scrivere la data su tutti i documenti. Ho deciso di stilare una classifica dei 10 film che rivedrei del 2013. Leggo da tutte le parti classifiche che titolano “I film più belli del 2013” ma essendo queste 10 posizioni frutto di una selezione personale di qualcuno, non trovo che sia un titolo adatto vista la soggettività del termine “bello”. Ricordiamoci che c’è gente a cui è piaciuto Troppo Belli con Costantino Vitagliano e Daniele Interrante. Questi sono 10 film che avrei voglia di riguardare di gusto, e vi avverto, sono belli zarri in gran parte.

1.I Sogni Segreti di Walter Mitty

I Sogni Segreti di Walter Mitty Recensione

Il film che con un colpo di coda si è inserito al primo posto della classifica. Sognante e magico, con una colonna sonora che immerge pienamente nel viaggio di Walter ed una fotografia per cui, la prossima estate, solo gli sfigati andranno a Formentera, gli altri tutti in Islanda e Groenlandia. Se poi siete dei sognatori (immaginare di uccidere il vostro capo o eliminare dalla faccia della terra le calze color carne, valgono come sogno) è il film adatto a voi.

2.La Grande Bellezza

La Grande Bellezza

Ammetto che il film di Sorrentino sulla mia persona ha avuto due grandi meriti: il primo è quello di avermi fatto apprezzare la capitale del nostro paese grazie ad un ritratto romano delicato ed affascinante, il secondo riguarda la riscoperta di un cinema italiano di qualità, prima avevo perso le speranze di vedere un film tricolore degno di nota. E poi non vorrete mica perdervi Serena Grandi che esce fuori da una torta conciata come Slimer dei Ghostbusters? Trash is nothing

3.Gravity

Gravity

Non ho mai osato dirlo, ma quasi tutti i precedenti film ambientati nello spazio mi hanno annoiato a  morte. Quando ho guardato Mission to Mars ho sperato che finisse l’ossigeno anche in sala per mettere fine alla mia sofferenza. Se escludiamo il video di Britney Spears, Oops I didi t again, Gravity è unico nel suo genere, da guardare in apnea su uno schermo che renda giustizia agli effetti speciali.

4.Il Grande Gatsby

Il Grande Gatsby Recensione

Non faccio testo riguardo questa pellicola, sono un incrocio tra una gazza ladra ed una scimmia, se è colorato, luccicante, piumoso, glitteroso e paillettoso, mi piace. Baz Luhrmann compone il suo Gatsby proprio su quegli aggettivi, seguendo le linee di Moulin Rouge. Leonardo DiCaprio in gran forma fisica, oltre che attore da Oscar. In me rimane solo l’invidia di non poter indossare quegli abiti anni 30, sembrerei un sacco di patate colorato.

5.La Vita di Adele

La Vita di Adele

In classifica perché ha vinto il Festival di Cannes? Naaaaaaa. Perché racconta una storia d’amore struggente? Naaaaaaaa. Perché ci sono due ragazze che si berliccano a vicenda per un tempo interminabile? Siiiiiiiiiiiiiiii

 6.Rush

Rush

Ogni domenica la stessa storia: “Che sonno, accendo la televisione e metto sul GP di Formula 1, almeno mi faccio un pisolino”. Una storia di grande sport e competizione raccontata nel miglior modo possibile da Ron Howard. Per la prima volta ho visto una stagione intera di gare senza dormire, e poi Thor è mezzo biotto, abile mossa per far piacere la Formula 1 anche alle donne.

7.Monsters University

Monsters University

Se solo potessero essere ancora più irriverenti, sarebbe il cartoon perfetto, però sempre di Disney si tratta e bisogna rimanere nei ranghi (i Cagnoli forse sarebbero esagerati, vedi Maial College). Aspettavo il ritorno di Mike e Sulley da più di 10 anni. Meno male è uscito, almeno ho smesso di ingannare l’attesa comprando penne, bicchieri, adesivi, custodie cellulari ecc. marchiate Monster & Co. Adesso attacco con MU.

8.Les Miserables

Les Miserables

Un po’ lunghetto ma merita il posto in classifica. Un musical in costume dove cantano canzoni pressochè sconosciute, tranne 1 (I dremed to dream). Sulla carta, una rottura di palle senza precedenti, invece è un film emozionante ed intenso. Gli attori sono talmente bravi da farti vacillare quando si tratta di identificarsi in loro: “no, forse io non sarei in grado di fare quello”. Hugh Jackman canta piangendo a un centimetro dall’ottica della videocamera, roba che se non controlli i singhiozzi rischi di smoccolare sull’operatore, idolo.

9.Pacific Rim

Pacific Rim

Essendo io un noto raffinatone, potevo non mettere in classifica un film la cui sinossi è “fottutissimi mostri contro fottutissimi robot”? Intrattenimento puro e un Ron Perlman con le scarpe a punta, c’è tutto.

10.L’Uomo D’acciaio

L'Uomo d'Acciaio

Un decimo posto d’incoraggiamento. Non penso che il Superman di Snyder meritasse tutte le critiche che ha ricevuto. Vogliamo ricordare Superman Returns? Man Of Steel è uscito in un momento coraggioso e ha patito il confronto (da non fare) con il Batman di Nolan. Se non ci fosse stato un uomo pipistrello irripetibile, il supereroe rosso e blu avrebbe avuto recensioni molto più positive. Dopo averlo rivalutato in seguito ad una seconda visione, sono speranzoso per il sequel del 2015.

Leave a Reaction

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *