Black Panther – illustrazioni Maró

VOTO: 6/10

GIUDIZIO: Con tutta la roba che c’è, rischiavamo 10 ore di film

Finalmente uno stand alone sul primo supereroe africano con la saggezza di un re e la forza della pantera: Black Panther. Tutti parlavano di un film diverso, ben lontano dai soliti Marvel che, diciamolo pure, belli e divertenti, ma sono un po’ tutti uguali. Ecco dopo aver visto Black Panther, non sono poi così convinto che qualcosa di diverso significhi ‘qualcosa di buono’, a me è sembrata un’accozzaglia di roba difficile da digerire per intero.

 

Black Panther illustrazione Maró recensione

Siamo a Wakanda, dove T’Challa, dopo gli eventi di Captain America: Civil War, è pronto a prendere il posto del parte assassinato e diventare Re. Un vecchio nemico però ricompare sui radar e la tempra di T’Challa come Re e come Pantera Nera viene messa alla prova, mentre si ritrova coinvolto in un conflitto che mette in pericolo le sorti del Wakanda e del mondo intero.

Black Panther recensione

L’idea di raccontare un supereroe africano in una nazione africana ricca e tecnologicamente avanzata, per quanto anacronistico, è assolutamente intrigante. La messa in scena effettivamente è spettacolare, laddove si incontrano un tripudio di colori tipici delle tradizioni e delle culture del continente nero, e le tecnologie iper avanzate che fanno molto Tomorrowland – Il Mondo di Domani (quel floppone sempre della Disney con George Clooney).

Black Panther recensione

Tutto bene insomma, poi ad un certo arriva un cattivo, anzi un super cattivo antipatico, saccente e fastidioso, interpretato molto bene dal Michael B. Jordan di Creed (il regista è lo stesso, Ryan Coogler) e non iniziano a precipitare solamente le sorti di Wakanda, ma pure quelle del film. Quell’odio che tutto il pubblico avrebbe tranquillamente accettato come sentimento mosso da motivi personali (è pur sempre un film di supereroi), si trasforma invece in un pretesto per tirare in ballo ideali più grandi. Da quel momento in poi, chi più ne ha più ne metta, tra black power, razzismo, povertà, genocidio e centinaia di anni di battaglie contro l’oppressione razziale scaricate a caso su 2 ore e 14 minuti di pellicola. É vero che il Wakanda è praticamente l’anti-Africa visto l’atteggiamento che hanno del tipo ‘io so io, e voi non siete un cazzo’, ma rimane comunque troppa, troppa roba che appesantisce inutilmente Black Panther. Qualche tema in meno da trattare ed un taglio di 30 minuti sulla durata avrebbero già portato un grande miglioramento.

Black Panther recensione

Quando parliamo di Marvel, sono due i principali punti di forza delle loro pellicole: la grande visione d’insieme che porta ad intrecciare abilmente le diverse storie e l’ironia. Entrambi questi elementi mancano quasi del tutto in Black Panther e quindi che cosa rimane? Sicuramente un grande cast che oltre a Chadwick Boseman (Black Panther) ed il già citato Michael B. Jordan, comprende anche il premio Oscar Lupita Nyong’o (12 Anni Schiavo), Martin Freeman (Lo Hobbit), Daniel Kaluuya (Scappa Get Out), Angela Bassett (Strange Days), Andy Serkis (il mago della motion capture) e Forest Whitaker (L’Ultimo Re di Scozia).

Non hanno badato a spese per il meglio della Hollywood black, e tanto per aggiungere un po’ di carne al fuoco, c’è una bella dose assai divertente di girl power (le donne africane menano come fabbri).

Per tutto il resto Black Panther è un po’ 007, un po’ Il Re Leone, un po’ Malcom X farcito di musica Hip Hop, insomma una accozzaglia di roba, diversa dal solito è vero, ma che ha perso le uniche caratteristiche marveliane che avrebbe dovuto conservare.

E poi Disney…dateci un po’ di sangue per Tutatis!

Black Panther recensione

COSA HO IMPARATO (ATTENZIONE POSSIBILE SPOILER)

-Non fare incazzare una donna africana

-Senti il nome Shuri ed è subito ‘Shuri Shuriiiiii, Shuri di tuttu l’anno, l’anuri ca mi basti ti lu torni’

-Regole qua regole la, poi c’è al potere uno nuovo e tutti fanno quel che gli pare

-Se ti chiedono ‘Chi sei’ devi rispondere per forza

-I fiori luminescenti ti danno una botta non da poco

Black Panther recensioneTitolo: Black Panther USA, 2018

Regia: Ryan Coogler

Sceneggiatura: Ryan Coogler, Joe Robert Cole, Stan Lee, Jack Kirby

Interpreti: Chadwick Boseman, Michael B. Jordan, Lupita Nyong’o, Danai Gurira, Martin Freeman, Daniel Kaluuya, Letitia Wright, Angela Basset, Forest Whitaker, Andy Serkis

Distribuzione: Walt Disney

Black Panther sito ufficiale

Black Panther Facebook ufficiale

Black Panther Twitter ufficiale

Leave a Reaction

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *