Bohemian Rhapsody

VOTO: 8,5/10

GIUDIZIO: teeeeero…teero…..tiiiiiiroriroriroriroreeeeeo

Vi confesso che, nonostante le aspettative, ero quasi sicuro che sarei uscito dalla sala molto deluso dopo aver visto Bohemian Rhapsody. La gestazione di 10 anni per la realizzazione non lasciava presagire nulla di buono, anche perché ci eravamo abituati all’idea che il Sasha Baron Cohen di Borat sarebbe diventato un Freddie Mercury nel massimo della sua irriverenza. Invece i Queen, quelli rimasti, pare non abbiano gradito la prima proposta, e già eravamo pronti ad una storia edulcorata e politicamente corretta. Ed in effetti la versione definitiva di Bohemian Rhapsody ha sicuramente addolcito gli aneddoti che riguardano il frontman della band, ma non possiamo proprio dire che il regista Bryan Singer non ci abbia regalato un film memorabile ed emozionante. Parola di un non fan.

Bohemian Rhapsody la recensione

Non la storia di Freddie Mercury, ma la storia dei Queen, dalla loro nascita fino al concerto dei concerti, il Live Aid, ricostruito con una tale minuzia da suscitare ricordi meravigliosi in tutti coloro che  in quel 13 luglio 1985 erano davanti all tv, e capace di commuovere anche chi non si fosse imbattuto fino ad adesso in qualche video su YouTube (praticamente impossibile). Tutta la loro storia dei Queen, seppur con qualche imprecisione temporale per esigenze probabilmente di sceneggiatura (quelli che se ne sono lamentati dovrebbero farsi meno pippe e godersi di più i film) é raccontata attraverso le vicende del loro carismatico frontman Freddie Mercury e naturalmente anche attraverso tutte le musiche originali che hanno consacrato per sempre la band nell’olimpo della musica.

Bohemian Rhapsody la recensione

Rami Malek, volto celebre per la serie Mr Robot, é il nome che é stato scelto per interpretare il genio, ma anche le fragilità di Freddie Mercury, e vi assicuro, l’interpretazione é talmente perfetta da essere quasi fastidiosa. E sto parlando di un piacevole fastidio di invidia per le capacità di Malek nell’interpretare così bene le movenze ed i sentimenti di Freddie senza risultare una macchietta. Si sente l’odore di candidatura all’Oscar fin dalle porte del cinema.

Bohemian Rhapsody la recensione

A completare il tutto, oltre ad un’ottima interpretazione degli altri personaggi dai volti non troppo noti (vediamo se riconoscete il piccolo Timmy di Jurassic Park e Mike ‘Austin Powers’ Myers), ci sono i più grandi successi dei Queen che basterebbero da soli a rendere il film memorabile. Quelle canzoni provocano in un attimo l’effetto lacrimuccia o gambetta che si muove a seconda che sia “Who Wants To Live Forever” o “I Want To Break Free”.

Bohemian Rhapsody é una pellicola emozionante, divertente e godibile a tal punto da far scorrere 2 ore e 14 minuti in un attimo, e siamo sicuri che sarebbe piaciuta anche a Freddie. Buon film, vi sfidiamo a non cantare!

Bohemian Rhapsody la recensione

Bohemian Rhapsody la recensioneTitolo: Bohemian Rhapsody USA, UK 2018

Regia: Bryan Singer

Sceneggiatura: Anthony McCarten, Peter Morgan

Interpreti: Rami Malek, Lucy Boynton, Gwilym Lee, Ben Hardy, Joseph Mazzello, Aidan Gillen, Mike Myers

Distribuzione: 20th Century Fox

Sito Ufficiale

Facebook Ufficiale

Twitter Ufficiale

Leave a Reaction

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *