La Famiglia Bélier

VOTO: 7,5/10

GIUDIZIO: (L’ho espresso nel linguaggio dei segni, perciò non lo leggete)

Qui tocca correre ai ripari e marciare verso Parigi: i francesi stanno facendo film nettamente migliori dei nostri. Dopo aver visto La Famiglia Bélier sto incominciando addirittura ad apprezzare la musica francese e questo.. il mio subconscio non riesce proprio ad accettarlo. Avanti di questo passo mangeremo baguette, storpieremo tutti i nomi e romperemo i bidet. Italianiiiiiii.

La Famiglia Bélier recensione

Tutti i componenti della famiglia Bélier sono sordomuti eccetto Paula, la figlia di 16 anni. Paula è fondamentale come interprete all’interno del nucleo familiare e si divide tra la scuola e l’economia della fattoria di famiglia. Un giorno, spinta dal suo insegnante di musica (identico a Herbert Ballerina), si iscrive al corso di canto e scopre di avere un grande dono. Si presenta la possibilità di partecipare alle selezioni per una nota scuola di canto parigina, ma Paula è combattuta da una scelta di vita che significherebbe la distanza dalla sua famiglia.

La Famiglia Bélier recensione

Eric Lartigau, regista de Gli Infedeli e Scatti Rubati, si trasferisce nel cuore di un paesino francese per dirigere una commedia graziosa e divertente, capace di strappare anche qualche lacrima (devo dire che a me basta poco). La storia, per quanto semplice,è già di per sé affascinante: una famiglia di sordomuti in cui l’unica persona con il dono della parola, non solo parla, ma canta divinamente. L’handicap ed il linguaggio dei segni vengono utilizzati in modo divertente e mai fuori luogo per creare spunti comici (a partire dal “ciao ricoglioniti” con cui saluta la figlia) e a questo si aggiungono le ottime capacità attoriali dei protagonisti. Paula (Louane Emera fresca fresca di César) rappresenta la classica adolescente: alle prese con la crescita, con i primi ragazzi e soprattutto con il suo essere bruttina, come lo siamo stati tutti anche se pensiamo “io non ero cosi”…riguardate le foto. La differenza è che Louane Emera tra qualche anno diventerà come Kate Upton, noi no. La Famiglia Bélier è una storia ben raccontata, gradevole e scorrevole, anche se la parte del concorso di canto è quella già vista dei vari Sister Act 2 o Colpi da Maestro. Vive La France!

La Famiglia Bélier recensione

COSA HO IMPARATO (ATTENZIONE SPOILER)

-Gli animali neri possono essere chiamati Obama

-Nel dubbio metti l’assorbente

-I profilattici possono mandare in choc anafilattico

-Rossa di capelli…vale ad ogni età

La Famiglia Bélier recensioneTitolo: La Famiglia Bélier (La Famille Bélier) Francia, 2014

Regia: Eric Lartigau

Sceneggiatura: Victoria Bedos, Eric Lartigau

Interpreti: Karin Viard, Francoise Damiens, Eric Elmosnino, Louane Emera, Luca Gelberg

Distribuzione: Bim Distribuzione

Durata: 1h 40′

Sito: http://www.bimfilm.com/schede/lafamigliabelier/

Facebook: https://www.facebook.com/LaFamigliaBelier

Twitter: https://twitter.com/bimfilm

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=UOHtcFR4nfw

 

 

Leave a Reaction

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *