Lo Hobbit : La Battaglia delle Cinque Armate

VOTO: Si però adesso state a casina per un po’, mi raccomando

Dopo aver bestemmiato in tutte le lingue del mondo per aver visto sopraggiungere i titoli di coda proprio sul più bello (e non una, ma ben due volte), acquistare il biglietto per la terza parte di Lo Hobbit è il minimo che si possa fare. Facendo un piccolo recap: I nani guidati da Thorin Scudodiquercia ed assistiti da lo hobbit Bilbo Baggins sono arrivati alla montagna e hanno risvegliato il drago custode dell’oro. Si lo so, è incredibile ma ci sono volute 5 ore, 30 minuti e 2 film per questo.

Lo Hobbit La Battaglia delle Cinque Armate recensione

Smaug – Benedict Cumberbatch

La Battaglia delle Cinque Armate inizia con la furia di Smaug, il drago con la voce più sexy del mondo grazie a Luca Ward, che si abbatte sui cittadini inermi di Pontelagolungo. I nani possono solo guardare dalla montagna la città che brucia. Solo bellicapelli Bard (Luke Evans – Dracula Untold) non fugge davanti alle squame impenetrabili della bestia e riesce a sconfiggere Smaug. Non ho letto Tolkien, non vado matto per Il Signore degli Anelli né tantomeno per la suddivisione in più capitoli di una storia quando potrebbe bastare un solo film, ma dopo La Desolazione di Smaug, mi aspettavo che il drago avesse un ruolo preponderante anche nell’ultima parte, invece no: 10 minuti e se ne va insieme all’incipit (allora Peter Jackson sei st****o, finire il secondo film con la morte del drago NO?!?). La montagna non è più sotto il controllo dello sputafuoco e tutto quell’oro fa gola alle popolazioni della Terra di Mezzo, che accorrono come anziani ai buffet gratuiti. Sono tutti pronti ad imbracciare le armi: nani, elfi, uomini, pipistrelli, orchi, goblin, tremors, montoni, aquile, solo non si vedono i due Leocorni. L’astuzia di un piccolo hobbit potrebbe sventare il massacro.

Lo Hobbit La Battaglia delle Cinque Armate recensione

Bilbo Baggins – Martin Freeman

Anche se recentemente ha dichiarato di non escludere un ritorno nella Terra di Mezzo, Peter Jackson ci porta per l’ultima volta nel mondo fantastico in cui bene e male si scontrano dal 1937, grazie al genio creativo di Tolkien, e come poteva terminare se non con una battaglia. Proprio la battaglia delle cinque armate rappresenta la parte del film resa meglio, spettacolare e coinvolgente grazie anche all’uso della CGI che, se in questo caso valorizza, per tutto il resto della pellicola crea il solito effetto “finzione” tipico dei video che fanno da contorno ai videogames. Nel complesso il terzo capitolo de Lo Hobbit è esattamente ciò che ci si aspetta ancor prima di averlo visto, la naturale continuazione di una storia stilisticamente immutata dal 2001 e accadimenti che banalmente e volutamente si ripetono, appena rimescoltati rispetto a Il Signore degli Anelli: guerre tra popoli in un “tutti contro tutti” che farebbe impallidire Valentina Nappi; uomini con l’ingegno di McGyver (vedi Bard e la balestra); elfi abili nel combattimento come Yoda e scimmieschi come Prince of Persia; streghe e stregoni che con la sola imposizione della mano possono ungerti la giacca e la cravatta; soprattutto avidità ed oggetti che condizionano l’animo umano. Questa volta non è solo l’anello ad avere effetti strani su chi lo possiede, ma anche l’oro, in una lunga parte (anche troppo scontata) che chiamerei “La Passione di Thorin” (quanto a febbre dell’oro, il re dei nani non è nessuno se confrontiamo quello che ha superato Zio Paperone ne Il Tesoro del Sole d’Oro).

Lo Hobbit La Battaglia delle Cinque Armate recensione

Thorin – Richard Armitage

Oltre ad un piccolo dramma alla Romeo & Giulietta, Peter Jackson trova il posto anche per un pizzico di umorismo. Non guasta nella pellicola anche se credo che a volte sia involontario: quando i personaggi enunciano insieme al proprio nome anche la genealogia, basta un attimo ed è subito “Sono Pdor, figlio di Kmer, della tribù di Ishtar”. La Battaglia delle Cinque Armate, come tutti i predecessori, paga una mezz’ora che dovrebbe trovarsi nella sezione “scene tagliate”. E’ bene dire che arrivati ormai al sesto episodio, per Lo Hobbit non si parla più di giudizio ma di fan movie, realizzato indubbiamente molto bene. Chi ha amato i precedenti sarà entusiasta di rituffarsi nuovamente nel mondo di Gandalf, mentre chi non ama il genere avrà sempre la sensazione di assistere ad una baracconata fatta di strane creature che si vogliono sterminare, che si dichiarano guerra, si insultano, ma senza mai usare parolacce (in confronto Flanders si esprime in tono minaccioso). Devo però ammettere che ci si affeziona ai personaggi e dopo tutti questi anni in compagnia della Contea, dei Baggins, di Gandalf e di Legolas (a forza di piallare le rughe ad Orlando Bloom con gli effetti speciali, facevano prima a ricrearlo in digitale, sembra Donatella Versace post photoshop), bussa leggermente il dispiacere di non rivederli più, ma il viaggio termina qui.

Lo Hobbit La Battaglia delle Cinque Armate recensione

Gandalf – Ian McKellen, Bard – Luke Evans

COSA HO IMPARATO (ATTENZIONE SPOILER)

-Gli Hobbit in guerra sono la Svizzera

-I draghi non recitano bene le scene di morte, Smaug sembra stramazzare come Robert Downey Jr in Tropic Thunder

– Ma siamo sicuri che “Figli di mia sorella” non sia un insulto?

-Galadriel (Cate Balanchett) in realtà è la bambina di The Ring

-Gli elfi corrono sempre

-Mi è parso di udire “Figlio di Trein, figlio di TRO**” ma forse mi sbaglio

-“Noi siamo i figli di Durin”…un elfo dalle fila ha urlato “ESTICAZZI” ne sono certo stavolta

-Ricordati che c’è di peggio nella vita, tipo chiamarsi “Legolas Verdefoglia”

-E niente…vivremo senza sapere cosa esce dall’incrocio tra un elfa e un nano

Lo Hobbit La Battaglia delle Cinque Armate recensioneTitolo: Lo Hobbit La Battaglia delle Cinque Armate (The Battle of Five Armies) USA, 2014

Regia: Peter Jackson

Sceneggiatura: Fran Walsh, Philippa Boyens, Peter Jackson, Guillermo del Toro, J.R.R. Tolkien

Interpreti: Ian McKellen, Martin Freeman Richard Armitage, Cate Blanchett, Orlando Bloom, Evangeline Lily, Lee Pace, Luke Evans, Benedict Cumerbatch

Distribuzione: Warner Bros

Durata: 2h 24′

Sito: http://www.hobbitfilm.it/

Facebook: https://www.facebook.com/hobbitfilm?fref=ts

Twitter: https://twitter.com/lohobbitfilm

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=yDE_p_n1Do0

VAI COL POSTER

Lo Hobbit La Battaglia delle Cinque Armate recensione lo poster 26 lo poster 27 Lo poster 28 lo poster 29Lo Hobbit La Battaglia delle Cinque Armate recensioneLo Hobbit La Battaglia delle Cinque Armate recensione Collage 2 Collage 3 Collage 4 Collage 5 Collage 6 Collage 7 Collage 8 Collage 9 Collage 10

Leave a Reaction

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *