Noi e la Giulia

VOTO: 8/10

GIUDIZIO: Allora il Cinema italiano esiste ancora!

Vi racconto cosa succede quando entro in sala: ho una pessima memoria, quindi solitamente porto un taccuino per appuntare qualche scarabocchio da riportare poi nella recensione. Provo ad imprimere qualche spunto su carta anche quando vado a vedere un film italiano, ma il più delle volte non c’è nulla da scrivere, se non “La solita commedia italiana”. All’anteprima di Noi e la Giulia il foglio davanti a me è rimasto bianco. Incredulo e piacevolmente colpito, non sono riuscito a staccarmi dallo schermo per tutta la durata. Era da qualche tempo che nel cinema italiano non si vedeva un film capace ancora di stupire.

Noi e la Giulia recensione

Fausto – Edoardo Leo, Sergio – Claudio Amendola, Diego – Luca Argentero, Claudio – Stefano Fresi

Diego è un venditore d’auto, belloccio e sfigato (non troppo, è pur sempre Argentero) con una vita regolare e noiosa. Fausto (Edoardo Leo) è un super coatto che sopravvive facendo le televendite e combatte tra debiti e creditori. Claudio (Stefano Fresi) in 5 anni ha fatto fallire la gastronomia centenaria di famiglia. I tre, trovano insieme il coraggio di cambiare vita e acquistano un immobile con l’idea di trasformarlo in un agriturismo. I problemi non esitano ad arrivare, tra spese per la ristrutturazione e la camorra che arriva a chiedere il pizzo. I 3 avventurieri sono intenzionati a coronare il sogno della loro vita da “piano B”, e in loro aiuto arrivano: un comunista che vive ancora nel mito di Berlinguer (Claudio Amendola) ed Elisa, incinta e leggermente bruciata dopo qualche anno da sbandata.

Noi e la Giulia recensione

Fausto – Edoardo Leo, Claudio – Stefano Fresi, Diego – Luca Argentero, Sergio – Claudio Amendola, Vito – Carlo Buccirosso

Edoardo Leo, alla sua terza regia, riesce a fare centro con una pellicola sceneggiata molto bene e diretta ancor meglio. Dalle premesse poteva sembrare l’ennesimo film in cui vediamo individui diversi tra loro, colpiti dalla crisi, che si trovano costretti a dividere le spese del proprio futuro (con un pizzico di Gomorra che va di moda ultimamente). Noi e la Giulia è molto di più, è una storia di coraggio ed è una storia di cuore. I protagonisti sono persone comuni che si ritrovano a vivere qualcosa che sembra assurdo, ma non lo è, perché rappresenta la dura realtà per centinaia di attività sparse in giro per l’Italia. Nel nostro stivale manca la certezza di ciò che accadrà domani, ed è estremamente difficile trovare anche solo il coraggio di cambiare vita, di attuare il proprio piano B (quante volte sentiamo dire “mollo tutto”) ma quando il coraggio arriva, ci pensa qualcos’altro a mettere i bastoni tra le ruote. In questo caso è la camorra, altre volte può essere lo Stato stesso a metterti in difficoltà. In un paese in cui è più facile arrangiarsi grazie a stratagemmi e scorciatoie, giocare pulito per i propri sogni è veramente difficile, ma c’è chi prova a farlo, come i protagonisti di Noi e la Giulia.

Noi e la Giulia recensione

Fausto – Edoardo Leo, Diego – Luca Argentero, Elisa – Anna Foglietta, Claudio – Stefano Fresi

Il cast rappresenta la crema che abbiamo oggi in Italia ed oltre ad essere perfettamente amalgamato, ha dato una prova attoriale perfetta. Si parte da Edoardo Leo, per arrivare a Claudio Amendola, passando per Anna Foglietta, Luca Argentero, Stefano Fresi ed il grande Carlo Buccirosso (non parliamo di dimensioni fisiche). Noi e la Giulia è un film molto divertente, si ride parecchio, ma è anche toccante e trasmette voglia di combattere per i propri sogni: utilizzare i famosi 20 secondi di spudorato coraggio che servono per provare ad essere felici. La pellicola di Leo mi ha ricordato quella freschezza cinematografica che aveva portato Il Ciclone di Pieraccioni nel 1996 e la stessa spensieratezza dei protagonisti di Che Ne Sarà di Noi, quando urlano contro il vento, contro il nulla, contro l’ignoto del futuro. Anche i “pazzi” dell’agriturismo urlano al vento, consci che anche a 40 anni si può avere tutta una vita davanti, basta avere un piano B.

Noi e La Giulia  recensione

Diego – Luca Argentero, Elisa – Anna Foglietta

COSA HO IMPARATO (ATTENZIONE SPOILER)

-Lavare i piatti e fare sesso sono atti facilmente confondibili

-Il Ghana non è in Nigeria

-Se ti chiami Giuseppe puoi fare il direttore d’orchestra

-L’agriturismo sta ai 40 come il chiringuito sta ai 30

-Si può vedere qualità nel cinema made in Italy senza scomodare Fellini e tributi vari

Noi e la Giulia recensioneTitolo: Noi e la Giulia ITA, 2015

Regia: Edoardo Leo

Sceneggiatura: Marco Bonini, Edoardo Leo

Interpreti: Edoardo Leo, Claudio Amendola, Luca Argentero, Anna Foglietta, Stefano Fresi, Carlo Buccirosso

Distribuzione: Warner Bros

Durata: 1h 55′

Sito: http://www.warnerbros.it/content/noi-e-la-giulia

Facebook: https://www.facebook.com/noielagiuliaFilm?fref=ts

Twitter: https://twitter.com/WarnerBrosIta

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=_bLs1ocuL3E

Leave a Reaction

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *