Pride + Prejudice + Zombies

VOTO: 5/10

GIUDIZIO: Comunque, a differenza delle guerre napoleoniche, questi non sparano. Fateci caso.

Devo ammettere che quest’uomo che ha scritto Orgoglio + Pregiudizio + Zombie è un fottuto genio. Seth Grahame-Smith ha fatto esattamente quello che vorrebbero fare migliaia e migliaia di liceali: ha preso un classico della letteratura e ha cercato di svecchiarlo e renderlo divertente. Avete presente quelli che vanno al cinema a vedere Les Miserables e si lamentano dicendo “non c’era nemmeno un’astronave” oppure “sangue e tette dove sono?”. Che palle Orgoglio e Pregiudizio! Ci metto gli zombie e BOOM! 2 milioni di copie vendute. Ora non mi resta che fare I Promessi Sposi + Godzilla, Il Dottor Zivago + I Transformers e I Miserabili + Uan di Bim Bum Bam.

Abramo Lincoln + i vampiri purtroppo è già stato preso dallo stesso Grahame, e trasformato ne La Leggenda del Cacciatore di Vampiri. E’ evidente che l’immaginazione stimolata dalla letteratura ha molto più successo delle trasposizioni cinematografiche, e purtroppo vale sia per il Cacciatore di Vampiri, sia per Orgoglio + Pregiudizio + Zombie, che non è una cagata pazzesca, ma manco un capolavoro.

Pride and Prejudice and Zombies recensione

Una misteriosa epidemia si è abbattuta sull’Inghilterra del diciannovesimo secolo. Il paese è invaso dai non morti che stravolgono le raffinate usanze vittoriane e trasformano la bucolica campagna inglese in una zona di guerra. In questo scenario fa la sua entrata Elizabeth Bennet, maestra nella arti marziali e nell’uso delle armi, donna indipendente, perspicace e dalla forza di volontà (e poi? Vola?). Le gravi circostanze forzano la ragazza ad allearsi con Mr. Darcy, un affascinante ma arrogante gentiluomo, che Elizabeth detesta profondamente, ma per il quale nutre un sincero rispetto per le sue doti di killer di zombie. Elizabeth e Mr Darcy dovranno mettere da parte i pregiudizi personali e sociali e allearsi sul campo di battaglia per liberare il paese dalla terribile minaccia zombie.

Pride and Prejudice and Zombies recensione

E’ il regista Burr Steers (Igby Goes Down, Segui il Tuo Cuore #maisentiti) a portare al cinema il bestseller di Grahame, ed è curioso che come protagonista abbia scelto Cenerentola (una Lily James mora) e Pete Doherty (ah no scusate è Sam Riley, quello che faceva il corvo in Maleficient).

Pride and Prejudice and Zombies recensione

Come dicevamo, gli zombie sono entrati laddove nel romanzo originale c’erano le guerre napoleoniche, ma la storia rimane molto fedele all’originale di Jane Austen, abbiocco compreso. Meno male ogni tanto gli spari alzano il livello dell’attenzione, in una pellicola tutt’altro che horror. Gli zombie sono solamente un contorno, se così vogliamo chiamare un’orda barbarica sanguinante che cerca di mangiarsi i londinesi. Visto che ognuno ha la sua, questa specie di zombie corre ed è maledettamente attaccata al fare da gentiluomini degli inglesi. Insomma anche i famosi mostri di George A. Romero diventano pettinati e patinati come le usanze vittoriane. Sotto i corpetti, ed infilate nelle giarrettiere, non si nasconde più solo il peccato, ma anche pistole, coltelli e fucili. E poi, ciliegina sulla torta, Elizabeth e le sue sorelle sono esperte di arti marziali, perchè oltre agli zombie, un po’ di Kung Fu Panda non fa mai male.

Pride and Prejudice and Zombies recensione

Nel cast anche la star di Games Of Thrones Lena Headey, Douglas Booth che sarà pure amato dalle ragazzine ma rovina tutto quello che tocca (Vedi Romeo & Giulietta di Carlei), e Matt Smith (Doctor Who), unica nota positivamente divertente del film.

PPZ: Pride and Prejudice and Zombies porta al cinema una chiave di lettura diversa e divertente di un classico. Attenzione però, non è una grezza caricatura alla 50 Sbavature di Nero, ma non si può neanche dire che sia una pellicola innovativa ed imperdibile.

Pride and Prejudice and Zombies recensione

COSA HO IMPARATO (ATTENZIONE SPOILER)

-Durante la comunione, assicuratevi che sia vino

-Una volta era molto più facile arricchirsi, bastava sposare una cozza

-La benda sull’occhio non è per bellezza

Pride and Prejudice and Zombie poster recensioneTitolo: Pride + Prejudice + Zombies USA, 2016

Regia: Burr Steers

Sceneggiatura: Burr Steers, Jane Austen, Seth Grahame-Smith

Interpreti: Lily James, Sam Riley, Jack Huston, Bella Heathcote, Douglas Booth, Lena Headey, Matt Smith, Charles Dance

Distribuzione: M2 Pictures

Durata: 1h 48

Sito: http://www.ppzfilm.it/

Facebook: hhttps://www.facebook.com/PPZfilm?_rdr=p

Twitter: https://twitter.com/M2Pictures

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=P5HmUzvEAMM

Leave a Reaction

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *